C’era una volta… Il valore educativo della fiaba

blog

C’era una volta… Il valore educativo della fiaba

“C’era una volta…”

In quante occasioni abbiamo ascoltato queste parole durante la nostra infanzia, e quante volte le abbiamo lette o raccontate ai nostri bambini?

Perché leggere le fiabe è così importante?

La fiaba è uno strumento educativo di estrema importanza, utile soprattutto per facilitare lo sviluppo sano e armonico del bambino.
Ascoltare le fiabe, dal punto di vista cognitivo, attiva nel bambino innumerevoli tipologie di pensiero, da quello razionale a quello creativo e fantastico.
Leggere un racconto (di qualsiasi categoria esso sia) è importante, non tanto per impartire una lezione, quanto piuttosto per offrire al bambino uno spazio e un tempo affettivamente significativo da condividere con il suo caregiver.

Attraverso la fiaba il bambino può sperimentare emozioni e vissuti in uno spazio affettivo protetto.
Proiettandosi in un mondo fantastico e immateriale il bambino potrà sperimentare senza conseguenze reali la totalità dei propri vissuti, pensieri e possibilità. Questo è fondamentale per la stabilizzazione di un io coerente nel mondo che lo circonda.

La lettura di fiabe aiuta lo sviluppo del linguaggio.

Nella primissima infanzia, indicare e denominare le figure sui libri permetterà al bambino di associare immagini e parole, stabilendo una prima forma di apprendimento linguistico. Inoltre, rappresenta un’ottima opportunità per allenare l’attenzione e la concentrazione in maniera naturale e giocosa.
Successivamente, con l’aumentare dell’età del bambino, usare sinonimi e cambiare termini man mano che la storia viene raccontata nel tempo aiuterà il bambino nel compito di arricchimento lessicale.

La fiaba: prima forma di educazione alla moralità e al problem-solving.

La fiaba permette ai bambini di sviluppare l’area emotiva e di giudizio morale in maniera divertente e ludica. Permette loro infatti di identificarsi nei personaggi, nelle loro azioni, nei loro sentimenti, nei loro ideali e nelle loro difficoltà.
La fiaba è dunque un modo di sperimentare in maniera protetta, grazie anche alla voce narrante del genitore, vicende ed eventi che il bambino si troverà ad affrontare in modo più o meno diretto nella vita reale.

parents read stories

I “Racconta-dadi”: un gioco per stimolare il pensiero creativo e le abilità narrative.

Lo scopo di questa attvità è quello di sviluppare la capacità narrativa del bambino, con un’attività ludica e divertente.

All’interno dell’ebook gratuito in fondo all’articolo, troverete le sagome da stampare, ritagliare e incollare per costruire quattro dadi.

Dopo aver lanciato tutti i dadi, si dovrà osservare con attenzione le quattro immagini uscite e inventare una storia che contenga tutti gli elementi.

Dado del protagonista (blu): serve al bambino per scegliere il personaggio con cui si identificherà nel corso della storia, l’alter-ego che gli permetterà di sperimentare punti di vista alternativi.

Dado del luogo (verde): ha la funzione di creare la cornice spaziale entro cui poter poi sperimentare in modo equilibrato la propria fantasia.

Dado dell’elemento magico (rosso): serve per introdurre un elemento simbolico e fantastico nella narrazione, stimolando in questo modo il pensiero divergente e creativo.

Dado dell’imprevisto (rosa): ha la funzione di introdurre un elemento di difficoltà nella fiaba, e poter sviluppare quindi la capacità di problem-solving.

Scarica l'ebook virtuale con indicazioni pratiche e creative:

Dott. Adriano Antonini
Pedagogista (specializzato nei disturbi del neurosviluppo)
Educare a Piccoli Passi

Adriano.antonini31@gmail.com
FB: https://www.facebook.com/EducareaPiccoliPassiDott.AdrianoAntonini/