Il gioco sportivo come importante contributo nel disturbo del deficit attenzione/iperattività ( ADHD ). Adhd sport

blog

Il gioco sportivo come importante contributo nel disturbo del deficit attenzione/iperattività ( ADHD ). Adhd sport

Come riconoscere il disturbo del deficit attenzione/iperattività

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi mentali (DSM-V) definisce il Disturbo da deficit di attenzione/iperattività, come un “pattern di disattenzione e/o iperattività-impulsività, persistente per almeno 6 mesi dall’inizio del primo sintomo, con un’intensità incompatibile con il livello di sviluppo e che ha un impatto negativo diretto sulle attività sociali e scolastiche/lavorative” (Tr. it.: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali,

Quinta edizione, DSM-5. Raffaello Cortina Editore, Milano, 2014).

È inoltre importante specificarne la manifestazione: combinata (presenza di disattenzione e iperattività/impulsività), disattenzione predominante o iperattività/impulsività predominante.

Vediamo allora nello specifico come si manifestano queste dimensioni; innanzitutto va sottolineato che i sintomi di questo disturbo si presentano all’incirca prima dei 7 anni, e in almeno due contesti (tipicamente casa e scuola).

1- LA DISATTENZIONE: si manifesta con una marcata difficoltà a prestare e mantenere attenzione in un’attività o a concentrarsi, per tali ragioni il bambino si annoia facilmente o perde l’interesse in ciò che sta facendo, commette errori di distrazione nei compiti scolastici o in altre attività di gioco. Inoltre, il bambino viene attirato da stimoli, giochi e attività più gratificanti e divertenti; presenta difficoltà nell’ascolto, a seguire le regole, ed evita gli impegni che richiedono sforzo cognitivo con distrazione costante con focus su stimoli estranei.

2- L’IPERATTIVITA’: il bambino si muo­ve con irrequietezza (in particolare con mani o piedi), si dimena sulla sedia, utilizza un eloquio smisurato, corre e salta in ogni spazio possibile in maniera del tutto eccessiva, presenta difficoltà a giocare e a dedicarsi ad attività divertenti in modo tranquillo. Questa iperattività si manifesta anche durante il sonno, quest’ultimo è peculiare dell’ipersensibilità alle cose che circondando questi bambini, e sono perciò portati a rispondervi più velocemente.

3- L’IMPULSIVITA’: l’impulsività si manifesta nella sua irrequietezza, cioè difficoltà nell’aspettare il proprio turno e la propria ricompensa, spesso il bambino risponde alle domande prima che siano completate e interrompe gli altri dimostrandosi invasivo.

Un importante contributo: lattività sportiva

Ogni genitore si domanda quale possa essere il proprio ruolo, quali strategie adottare, come intervenire e così via.

Ma, prima di ogni cosa è importante: rispettare il bambino.

In questa ottica non ci si può aspettare che il bambino stia semplicemente “fermo” o che la sua iperattività venga stemperata, piuttosto bisogna rendere funzionale la sua energia attraverso attività che diano modo di liberarla.

Quindi un buon contributo è quello di seguire la loro inclinazione e aiutarli nella scelta di un’attività che li coinvolga.

Spesso basta un contesto coinvolgente e divertente perché è quello che potrebbe attirarli spontaneamente.

Lo sport, infatti, sembra essere lo strumento ideale per trasformare, mutare o anche correggere alcune difficoltà di attenzione e comportamento di questi bimbi.

Perciò un passo avanti per aiutarli nell’organizzazione, pianificazione, attenzione, è quello di dar modo di scegliere uno sport che dia loro spazio per i propri punti di forza, e conseguentemente imparare la capacità organizzativa, la concentrazione e la relazione con gli altri; favorendo la capacità di focalizzarsi su un singolo compito.

Vediamo dunque quali possono essere le attività sportive capaci di coinvolgere il bambino:

Attività di gruppo: le attività che richiedono gioco di squadra come il calcio, pallavolo, rugby, basket, ginnastica ritmica o artistica, la danza hanno il potere di sviluppare capacità motorie, cognitive e sociali, si tratta del miglior habitat per bambini iperattivi.

Ad esempio, lo sviluppo motorio si manifesta nella capacità di coordinazione, pianificazione, reattività dei movimenti e delle sue finalità.

Questo aspetto è fondamentale per bambini che non riescono a portare al termine un attività o a giocare in modo tranquillo.

Altro aspetto importante è l’orientamento nello spazio (in questo caso focalizzato non solo all’obiettivo del gioco ma anche su di Sé e sugli altri) e l’orientamento temporale (che aiuta a strutturare il tempo, per mantenere l’attenzione focalizzata).

Sul piano cognitivo e sociale, lo sport sensibilizza i piccoli a mantenere, oltre che l’attenzione, la concentrazione su un obiettivo, a portare al termine un’azione, aiuta nella capacità di problem solving, nel rispetto delle regole, dei tempi e dei compagni.

In quest’ultimo aspetto, il gioco di squadra si rivela efficace nello sviluppo sociale del bambino.

Attività individuali: anche queste attività, se preferite dai bambini comportano degli ottimi benefici sul piano motorio e cognitivo, allo stesso modo delle attività di gruppo.

Il nuoto, l’atletica e il karate, ad esempio, arisultano efficaci in quanto portano a una maggiore consapevolezza del proprio corpo all’interno dello spazio, e in particolare aumentano l’autocontrollo.

Come diretta conseguenza di questa disciplina, vi è l’aumento della fiducia in se stessi e l’autostima, un altro aspetto caratteristico (in questo caso che viene meno) dell’ADHD.

Bibliografia

American Psychiatric Association (2013).

Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition, DSM-5. Arlington, VA. (Tr. it.: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta edizione, DSM-5. Raffaello Cortina Editore, Milano, 2014).

Articolo scritto dalla Dott.ssa Francesca Sapuppo, dott.ssa in psicologia clinica della salute e della neurologia.

Iscriviti per ricevere ogni mese gli articoli dei professionisti di Crescimi

Psicologi, pedagogisti, logopedisti, educatori, fisioterapisti, psicomotricisti ecc…

Iscriviti e riceverai subito gli sconti sui prodotti per bambini di Crescimi

    In ottemperanza al GDPR e al Decreto legislativo italiano n. 196 del 30/06/2003, autorizzi il trattamento dei dati personali?
    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali*

    Autorizzi il trattamento dei dati personali per finalità di Marketing?
    Acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità di Marketing

    Informativa trattamento dati personali
    I campi contrassegnati da un (*) sono obbligatori per una corretta registrazione.

    * ti ricordiamo che non diamo consulti terapeutici.